10.03.2006
II.
L’improvviso festevole, il certo
delle falangi d’iridacea
ti varcano
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Vividamente, costellata
dei fluòri di sgomento, irrompe nel giorno
un’imminenza più romita
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
ora intatte nella solarità carezzevole
emanano dalle sembianze
cruenti ori
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
T’affrancano
non dal nitore
ma da quel cielo incorrotto, dall’incomplice
prescienza che parifica l’acque.
_
La elidi addentrandola
fra gli astanti, coartandone
l’apogeo nel farnetico
fervere del meriggio: non la innervano
l’opalescenza, l’insidia
(né ella s’insena nell’infratempo
delle febbri inaccadute): il numinoso
di un abbaglio natura
la contumelia, ne deliba
l’immite minuzia – mentr’ella,
inerte alla chiarezza
irreparabile, compulsa
un’infavorita ossidiana
d’acquasole affluente, l’equivoco
della semiluce che deflagra.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.07.2006
I.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Di nuovo precorre l’incolume
chiarore – ne umetta le cuspidi alle inerzie
affluenti, all’antescritto

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
l’imminenza le è ostile, i delfion
la sommuovono – attorno
alle mani rispondenze campiscono il giorno –

raramente l’esteso corrompe
inveterate inessenze, penetrali
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.30.2006
***
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Dell'iride iniziai: forre intricavano,
mentre divallavo per il crinale; pioveva fra le mani.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Dai declivi, gli alberi alti, contro un cielo

***
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La commozione di delizie
concilianti,
alvei di eliotropi radi: e la scarpata,
gracile per le atonie disgelate. Un’ebbrezza
delle cattleie viene a fugare
le cornee di un bianco stellato, nelle imperfezioni
dei raccordi di indaco,
nelle teorie diluviali
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.28.2006
i varchi di buio____________
1993 - (settembre) 1996

Questa pagina web nasce per accogliere una selezione di quanto ho scritto in versi dal 1993 al (settembre del) 1996. Ho nel tempo – e senza un intervento troppo in profondo – stracciato molte pagine, ridotto e ritoccato molto, e secondo il posto che questi testi hanno occupato nella mia vita. Il materiale viene qui proposto per un puro scrupolo di "personale storia", per via del prossimo decennale del "suo concludersi", e senza alcuna considerazione di valore letterario.

About me

Le mie foto
Nome:

Stefano Salvi è nato nel 1975 a Varese, dove risiede. Collaboratore di LietoColle, dal 2004 dirige, insieme ad A. Broggi e I. Testa, “l’Ulisse”, rivista on-line di poesia e pratica culturale. Dal 2005 coordina “Tagli di scavo”, spazio e luogo non periodico, attività in fieri di scrittura e/o di attenzione e di incontro, percorso costituito da poesie, da articoli presi a spunto da opportunità, letture e suggestioni, da traduzioni e da saggi. Suoi lavori in poesia e in prosa, suoi saggi, recensioni ed interventi si sono succeduti in varie riviste e nella rete. Ha curato, insieme a C. Dentali, presso LietoColle, l’antologia “Il presente della poesia italiana” (2006), una proposta di lettura della contemporanea situazione della scrittura poetica in Italia. Partecipa regolarmente, con letture da proprie opere e/o interventi critici, a pubbliche letture, rassegne e convegni di poesia, trasmissioni radiofoniche, presentazioni editoriali. Ha pubblicato l'e-book “Il seguito degli affetti” (Biago Cepollaro E-dizioni, 2006). Attualmente è in corso di pubblicazione il suo libro di poesie “Le insidie/Neumi”.


Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

all texts (CC) by Stefano Salvi

Archives

Visite e Altro


Heracleum blog & web tools

Credits

  Distributed by:
Template copyright :
V4NY ONLY TEMPLATES
Powered by :
Powered by Blogger